Parrocchia Santi Andrea e Lorenzo

Parrocchia Santi Andrea e Lorenzo

Commenti

Ci apprestiamo a vivere la 𝐅𝐄𝐒𝐓𝐈𝐕𝐈𝐓𝐀' 𝐈𝐍 𝐎𝐍𝐎𝐑𝐄 𝐃𝐈 𝐒𝐀𝐍 𝐌𝐈𝐂𝐇𝐄𝐋𝐄 𝐀𝐑𝐂𝐀𝐍𝐆𝐄𝐋𝐎 presso il 𝐒𝐚𝐧𝐭𝐮𝐚𝐫𝐢𝐨 𝐝𝐢 𝐒𝐚𝐧 𝐌𝐢𝐜𝐡𝐞𝐥𝐞 𝐝𝐢 𝐦𝐞𝐳𝐳𝐨.
Di seguito il programma per i giorni 27-28-29 settembre 2020

Parrocchia S. Giovanni e S. Nicola - Carpineto Parrocchia San Pietro Ap. e Spirito Santo - Fisciano Parrocchia Santi Andrea e Lorenzo Parrocchia San Bartolomeo Apostolo - Santa Maria delle Grazie - Santa Lucia Parrocchia Santi Martino e Quirico #sanmartinovescovogaiano
Comune di Fisciano Pro Loco Fiscianese
Grazie
Grazie Bartolo
Buona serata
Un forte abbraccio
🙏😘❤

La parrocchia Santi Andrea e Lorenzo nasce nel 1960 con l’unione della parrocchia Sant’Andrea Apostolo alla Chiesa di San Lorenzo Martire.

Normali funzionamento

05/12/2021

Nella seconda Domenica di Avvento si accende la "Candela" di Betlemme” o “Candela della chiamata universale alla salvezza”.

Nella seconda Domenica di Avvento si accende la "Candela" di Betlemme” o “Candela della chiamata universale alla salvezza”.

04/12/2021

SABATO 04 DICEMBRE SANTA BARBARA

Santa Barbara è una martire cristiana. Il luogo e l'epoca in cui è vissuta, a causa delle numerose leggende sorte intorno al suo nome, non sono chiaramente identificabili, ma il suo culto è attestato presso le comunità cristiane d'Oriente (Egitto, Costantinopoli) e Occidente (Roma, Francia) sin dal VI-VII secolo e conobbe una grande popolarità nel Medioevo grazie alla Legenda Aurea; rimossa dal calendario romano generale nel 1969 a causa dei dubbi sulla sua storicità, rimane una santa molto popolare grazie al numero dei suoi patronati (vigili del fuoco, marina militare, artificieri, artiglieri, genieri, minatori, architetti, ecc.).
Della vita di questa santa esistono varie agiografie, nessuna delle quali coeva, che presentano notevoli differenze tra loro.
Barbara è figlia di Dioscoro o Dioscuro, un uomo di religione pagana. In alcune agiografie, Dioscoro decide di rinchiuderla in una torre a causa della sua grande bellezza, per proteggerla dal mondo esterno e dai pretendenti (che ella comunque respinge sistematicamente): Barbara va quindi a vedere i progetti per la costruzione della torre e, notando che sono presenti solo due finestre, una a nord e una a sud, ordina ai muratori di costruirne una terza, per richiamare la Trinità; prima di entrare nella torre, inoltre, si immerge tre volte in una piscina adiacente, battezzandosi da sola.
In altre versioni, Barbara viene segregata come punizione per la sua disobbedienza; nella torre, la giovane viene istruita da filosofi, oratori e poeti e, studiando, giunge alla conclusione che il politeismo è una farsa; temporaneamente liberata da suo padre, si converte al cristianesimo; quando suo padre decide di costruirle un'imponente piscina con due finestre, ella fa aggiungere una terza finestra a questo edificio (e non alla torre, come nella versione precedente)[2][5][12]; altre versioni specificano che Barbara aderisce al cristianesimo studiando i testi di Origene e, una volta fuori dalla torre, si reca proprio da lui, ad Alessandria, per farsi battezzare.
Ad ogni modo, quando Dioscoro scopre la nuova fede della figlia tenta di ucciderla: Barbara riesce a sfuggirgli miracolosamente, trapassando le pareti della torre oppure volando su una montagna (in questo caso, viene vista volare da due pastori, uno dei quali la tradisce rivelando a Dioscoro la sua posizione; maledetto da Barbara, egli viene trasformato in pietra, e il suo gregge di pecore in uno sciame di locuste); riacciuffatala, suo padre la trascina davanti a un magistrato (o prefetto) di nome Martiniano o Marziano[3][5][7][8][10][11][12]. La giovane rifiuta però di abiurare e viene quindi torturata più volte: viene avvolta da panni ruvidi irti di spine che le lacerano la carne, ma Cristo, apparendole di notte, cura le sue ferite. I carnefici tentano quindi di ustionarla, ma le fiamme accese ai suoi fianchi si spengono subito; le vengono poi tagliati i seni, viene colpita alla testa con un martello e poi fatta sfilare nuda per le strade. Alla fine il padre la conduce in cima a una montagna e la decapita, assieme ad un'altra giovane cristiana, Giuliana. Sceso a valle, Dioscoro viene incenerito da un fulmine o da un fuoco venuto dal cielo come punizione per l'omicidio.
Le spoglie di Barbara e Giuliana vengono quindi seppellite da un uomo di nome Valentino e presso la loro tomba cominciano ad avvenire guarigioni miracolose.

SABATO 04 DICEMBRE SANTA BARBARA

Santa Barbara è una martire cristiana. Il luogo e l'epoca in cui è vissuta, a causa delle numerose leggende sorte intorno al suo nome, non sono chiaramente identificabili, ma il suo culto è attestato presso le comunità cristiane d'Oriente (Egitto, Costantinopoli) e Occidente (Roma, Francia) sin dal VI-VII secolo e conobbe una grande popolarità nel Medioevo grazie alla Legenda Aurea; rimossa dal calendario romano generale nel 1969 a causa dei dubbi sulla sua storicità, rimane una santa molto popolare grazie al numero dei suoi patronati (vigili del fuoco, marina militare, artificieri, artiglieri, genieri, minatori, architetti, ecc.).
Della vita di questa santa esistono varie agiografie, nessuna delle quali coeva, che presentano notevoli differenze tra loro.
Barbara è figlia di Dioscoro o Dioscuro, un uomo di religione pagana. In alcune agiografie, Dioscoro decide di rinchiuderla in una torre a causa della sua grande bellezza, per proteggerla dal mondo esterno e dai pretendenti (che ella comunque respinge sistematicamente): Barbara va quindi a vedere i progetti per la costruzione della torre e, notando che sono presenti solo due finestre, una a nord e una a sud, ordina ai muratori di costruirne una terza, per richiamare la Trinità; prima di entrare nella torre, inoltre, si immerge tre volte in una piscina adiacente, battezzandosi da sola.
In altre versioni, Barbara viene segregata come punizione per la sua disobbedienza; nella torre, la giovane viene istruita da filosofi, oratori e poeti e, studiando, giunge alla conclusione che il politeismo è una farsa; temporaneamente liberata da suo padre, si converte al cristianesimo; quando suo padre decide di costruirle un'imponente piscina con due finestre, ella fa aggiungere una terza finestra a questo edificio (e non alla torre, come nella versione precedente)[2][5][12]; altre versioni specificano che Barbara aderisce al cristianesimo studiando i testi di Origene e, una volta fuori dalla torre, si reca proprio da lui, ad Alessandria, per farsi battezzare.
Ad ogni modo, quando Dioscoro scopre la nuova fede della figlia tenta di ucciderla: Barbara riesce a sfuggirgli miracolosamente, trapassando le pareti della torre oppure volando su una montagna (in questo caso, viene vista volare da due pastori, uno dei quali la tradisce rivelando a Dioscoro la sua posizione; maledetto da Barbara, egli viene trasformato in pietra, e il suo gregge di pecore in uno sciame di locuste); riacciuffatala, suo padre la trascina davanti a un magistrato (o prefetto) di nome Martiniano o Marziano[3][5][7][8][10][11][12]. La giovane rifiuta però di abiurare e viene quindi torturata più volte: viene avvolta da panni ruvidi irti di spine che le lacerano la carne, ma Cristo, apparendole di notte, cura le sue ferite. I carnefici tentano quindi di ustionarla, ma le fiamme accese ai suoi fianchi si spengono subito; le vengono poi tagliati i seni, viene colpita alla testa con un martello e poi fatta sfilare nuda per le strade. Alla fine il padre la conduce in cima a una montagna e la decapita, assieme ad un'altra giovane cristiana, Giuliana. Sceso a valle, Dioscoro viene incenerito da un fulmine o da un fuoco venuto dal cielo come punizione per l'omicidio.
Le spoglie di Barbara e Giuliana vengono quindi seppellite da un uomo di nome Valentino e presso la loro tomba cominciano ad avvenire guarigioni miracolose.

03/12/2021
02/12/2021

𝐁𝐞𝐧𝐞𝐝𝐢𝐳𝐢𝐨𝐧𝐞 𝐝𝐞𝐥 𝐏𝐫𝐞𝐬𝐞𝐩𝐞 | 08 dicembre 2021
Nella solennità dell'Immacolata Concezione, mercoledì 08 dicembre 2021, alle ore 16.00 sarà benedetto il presepe allestito sul sagrato del santuario e seguire alle ore 16.30 Celebrazione Eucaristica in chiesa.
#santuariosanmicheledimezzo

Photos from Confraternita Del SS. Sacramento e Rosario - Villa's post 02/12/2021

Photos from Confraternita Del SS. Sacramento e Rosario - Villa's post

02/12/2021
Photos from Parrocchia Santi Andrea e Lorenzo's post 30/11/2021

Auguri di buon onomastico al nostro arcivescovo per il suo onomastico
Arcidiocesi Salerno - Campagna - Acerno

Photos from Vincenzo Sessa's post 30/11/2021

Vi aspettiamo!

30/11/2021
30/11/2021
29/11/2021
Photos from Parrocchia Santi Andrea e Lorenzo's post 28/11/2021

Prima candela della corona dell'avvento consegnata ai ragazzi del catechismo delle medie

28/11/2021

Prima Domenica di Avvento
Prima candela è detta "del Profeta", poiché ricorda le profezie sulla venuta del Messia. ...
Buon cammino a tutti ,e buon tempo di Avvento !

Prima Domenica di Avvento
Prima candela è detta "del Profeta", poiché ricorda le profezie sulla venuta del Messia. ...
Buon cammino a tutti ,e buon tempo di Avvento !

Photos from Parrocchia Santi Andrea e Lorenzo's post 27/11/2021

Photos from Parrocchia Santi Andrea e Lorenzo's post

Photos from Parrocchia Santi Andrea e Lorenzo's post 27/11/2021

XXV GIORNATA NAZIONALE DELLA COLLETTA ALIMENTARE

Grazie a tutti!

Con l’amore del prossimo il povero è ricco, senza l’amore del prossimo il ricco è povero.
(Sant’Agostino)
Banco Alimentare
Banco Alimentare Campania Onlus

27/11/2021

27 NOVEMBRE Beata Vergine Della Medaglia Miracolosa

Fai che la tua Medaglia sparga su di noi e su tutti i nostri cari i tuoi raggi benefici: guarisca i nostri ammalati, dia la pace alle nostre famiglie, ci scampi da ogni pericolo. Porti la tua Medaglia conforto a chi soffre, consolazione a chi piange, luce e forza a tutti.

27 NOVEMBRE Beata Vergine Della Medaglia Miracolosa

Fai che la tua Medaglia sparga su di noi e su tutti i nostri cari i tuoi raggi benefici: guarisca i nostri ammalati, dia la pace alle nostre famiglie, ci scampi da ogni pericolo. Porti la tua Medaglia conforto a chi soffre, consolazione a chi piange, luce e forza a tutti.

26/11/2021

🙏 Uno scatto di S. Ecc. Mons. Andrea #Bellandi, arcivescovo di Salerno, mentre pronuncia l'omelia durante la messa per gli 800 anni dall'arrivo dei Domenicani a Santa Maria Novella

👉 Gli appuntamenti giubilari continuano! Ci vediamo #domani sera in Santa Maria Novella per un incontro di teologia e spiritualità insieme a S. Em.za Card. José Tolentino de Mendonça, Archivista e Bibliotecario di Santa Romana Chiesa!

#giubileoSMN #giubileoSanDomenico

26/11/2021
25/11/2021

Grande Gioia!!!

🙏🏻 Don Tonino Bello sarà venerabile!

#PapaFrancesco ha autorizzato oggi la promulgazione del decreto sulle virtù eroiche del Servo di Dio Antonio Bello, Vescovo di Molfetta-Ruvo-Giovinazzo-Terlizzi; nato il 18 marzo 1935 ad Alessano e morto il 20 aprile 1993 a Molfetta

24/11/2021
24/11/2021
24/11/2021

MERCOLEDÌ 24 NOVEMBRE SANTA FLORA DI CORDOVA

Santa Flora di Cordova (Cordova, ... – Cordova, 24 novembre 851) è venerata come santa e martire dalla Chiesa cattolica.
Nacque a Cordova nella Spagna islamica, da padre musulmano e madre cristiana. Una volta morto il padre fu educata al cristianesimo insieme alla sorella Baldegoto ma fu osteggiata dal fratello musulmano. Scappò una prima volta dalla casa natale per farvi poi ritorno poiché suo fratello aveva fatto imprigionare dei religiosi e dei chierici per ricattarla. Tornata fu brutalmente battuta. Si allontanò di nuovo da casa per anni e ne fece ritorno per volontà di martirio. Flora sapeva del destino che l'avrebbe aspettata se si fosse consegnata al cadì. Fu imprigionata ed in carcere conobbe Eulogio, uno dei martiri di Cordova che diede notizia del suo martirio e fu decapitato per aver professato la fede cattolica.
Si disse che il suo corpo, dopo essere stato gettato nei campi e rispettato dalle bestie che non se ne nutrirono, fu gettato nel fiume Guadalquivir.

MERCOLEDÌ 24 NOVEMBRE SANTA FLORA DI CORDOVA

Santa Flora di Cordova (Cordova, ... – Cordova, 24 novembre 851) è venerata come santa e martire dalla Chiesa cattolica.
Nacque a Cordova nella Spagna islamica, da padre musulmano e madre cristiana. Una volta morto il padre fu educata al cristianesimo insieme alla sorella Baldegoto ma fu osteggiata dal fratello musulmano. Scappò una prima volta dalla casa natale per farvi poi ritorno poiché suo fratello aveva fatto imprigionare dei religiosi e dei chierici per ricattarla. Tornata fu brutalmente battuta. Si allontanò di nuovo da casa per anni e ne fece ritorno per volontà di martirio. Flora sapeva del destino che l'avrebbe aspettata se si fosse consegnata al cadì. Fu imprigionata ed in carcere conobbe Eulogio, uno dei martiri di Cordova che diede notizia del suo martirio e fu decapitato per aver professato la fede cattolica.
Si disse che il suo corpo, dopo essere stato gettato nei campi e rispettato dalle bestie che non se ne nutrirono, fu gettato nel fiume Guadalquivir.

23/11/2021

Arcidiocesi Salerno - Campagna - Acerno

Grazie di cuore a 𝗦.𝗘. 𝗠𝗼𝗻𝘀. 𝗔𝗻𝗱𝗿𝗲𝗮 𝗕𝗲𝗹𝗹𝗮𝗻𝗱𝗶, Arcivescovo Metropolita di Salerno-Campagna-Acerno, per la sua paternità alla Giornata Nazionale Colletta Alimentare.

La Colletta da 25 anni costituisce l’evento di solidarietà più partecipato in Italia...
Continuate con fiducia questa opera, attuando la cultura dell’incontro e della condivisione. Certo, il vostro contributo può sembrare una goccia nel mare del bisogno, ma in realtà è prezioso! Insieme a voi, altri si danno da fare, e questo ingrossa il fiume che alimenta la speranza di milioni di persone...
Auguro a voi e a tutti gli amici del Banco Alimentare che la prossima Giornata della Colletta possa essere un ulteriore momento di crescita nell’educazione alla fede e alla ca**tà, venendo incontro ai bisogni di molte famiglie e realtà che l’attuale contesto pandemico ha drammaticamente ampliato.

23/11/2021
22/11/2021

Lunedì 22 Novembre Santa Cecilia Vergine e martire.
Patrona dei musicisti .
O Santa Cecilia,
che hai cantato con la tua vita e il tuo martirio,
le lodi del Signore e sei venerata nella Chiesa,
quale patrona della musica e del canto,
aiutaci a testimoniare,
con la nostra voce e con la voce dei nostri strumenti,
quella gioia del cuore
che viene dal fare sempre la volontà di Dio
e dal vivere con coerenza il nostro ideale cristiano.

Aiutaci ad animare in modo degno la santa Liturgia,
da cui sgorga la vita della Chiesa,
consapevoli dell’importanza del nostro servizio.

Ti doniamo le fatiche ed anche le gioie del nostro impegno,
perché tu le ponga nelle mani di Maria Santissima,
come canto armonioso di amore per Suo Figlio Gesù.
Amen.

Lunedì 22 Novembre Santa Cecilia Vergine e martire.
Patrona dei musicisti .
O Santa Cecilia,
che hai cantato con la tua vita e il tuo martirio,
le lodi del Signore e sei venerata nella Chiesa,
quale patrona della musica e del canto,
aiutaci a testimoniare,
con la nostra voce e con la voce dei nostri strumenti,
quella gioia del cuore
che viene dal fare sempre la volontà di Dio
e dal vivere con coerenza il nostro ideale cristiano.

Aiutaci ad animare in modo degno la santa Liturgia,
da cui sgorga la vita della Chiesa,
consapevoli dell’importanza del nostro servizio.

Ti doniamo le fatiche ed anche le gioie del nostro impegno,
perché tu le ponga nelle mani di Maria Santissima,
come canto armonioso di amore per Suo Figlio Gesù.
Amen.

Photos from Parrocchia Santi Andrea e Lorenzo's post 21/11/2021

Solennità di Cristo Re dell'universo, catechismo 2021/22

21/11/2021

SOLENNITÀ di CRISTO RE
DELL'UNIVERSO.
O Gesù dolcissimo, o Redentore del genere umano, riguarda a noi umilmente prostrati innanzi a te. Noi siamo tuoi, e tuoi vogliamo essere e per vivere a te più strettamente congiunti, ecco che ognuno di noi oggi spontaneamente si consacra al tuo sacratissimo Cuore. Molti, purtroppo, non ti conobbero mai; molti, disprezzando i tuoi comandamenti, ti ripudiano. O benignissimo Gesù, abbi misericordia e degli uni e degli altri e tutti quanti attira al tuo sacratissimo Cuore. O Signore, sii il Re non solo dei fedeli che non si allontanarono mai da te, ma anche di quei figli prodi-ghi che ti abbandonarono; fa' che questi, quanto prima, ritornino alla casa paterna, per non morire di miseria e di fame. Sii il Re di coloro che vivono nell'inganno e nell'er-rore, o per discordia da te separati; richiamali al porto della verità, all'unità della fede, affinché in breve si faccia un solo ovile, sotto un solo pastore. Largisci, o Signore, incolumità, e libertà sicura alla tua Chiesa; concedi a tutti i popoli la tranquillità dell'ordine: fa' che da un capo all'altro della terra risuoni quest'unica voce: "Sia lode a quel Cuore divino, da cui venne la nostra salute; a lui si canti gloria e onore nei secoli dei secoli." Amen.

SOLENNITÀ di CRISTO RE
DELL'UNIVERSO.
O Gesù dolcissimo, o Redentore del genere umano, riguarda a noi umilmente prostrati innanzi a te. Noi siamo tuoi, e tuoi vogliamo essere e per vivere a te più strettamente congiunti, ecco che ognuno di noi oggi spontaneamente si consacra al tuo sacratissimo Cuore. Molti, purtroppo, non ti conobbero mai; molti, disprezzando i tuoi comandamenti, ti ripudiano. O benignissimo Gesù, abbi misericordia e degli uni e degli altri e tutti quanti attira al tuo sacratissimo Cuore. O Signore, sii il Re non solo dei fedeli che non si allontanarono mai da te, ma anche di quei figli prodi-ghi che ti abbandonarono; fa' che questi, quanto prima, ritornino alla casa paterna, per non morire di miseria e di fame. Sii il Re di coloro che vivono nell'inganno e nell'er-rore, o per discordia da te separati; richiamali al porto della verità, all'unità della fede, affinché in breve si faccia un solo ovile, sotto un solo pastore. Largisci, o Signore, incolumità, e libertà sicura alla tua Chiesa; concedi a tutti i popoli la tranquillità dell'ordine: fa' che da un capo all'altro della terra risuoni quest'unica voce: "Sia lode a quel Cuore divino, da cui venne la nostra salute; a lui si canti gloria e onore nei secoli dei secoli." Amen.

Video (vedi tutte)

Ubicazione

Digitare

Telefono

Indirizzo


Piazza G. Macchiarelli, 84084 Fisciano SA, Italia
Fisciano
84084
Altro Chiese cattoliche Fisciano (vedi tutte)
Parrocchia San Giovanni e San Nicola - Carpineto e Settefichi Parrocchia San Giovanni e San Nicola - Carpineto e Settefichi
Via San Nicola
Fisciano, 84084

Parrocchia dedicata ai Santi Giovanni Battista e Nicola di Bari. Comunità di Carpineto e Settefichi di Fisciano (SA).

Parrocchia San Pietro apostolo e Spirito Santo - Fisciano Parrocchia San Pietro apostolo e Spirito Santo - Fisciano
Piazza Gaetano Sessa, 1
Fisciano, 84084

Parrocchia San Bartolomeo Apostolo - Santa Maria delle Grazie - Santa Lucia Parrocchia San Bartolomeo Apostolo - Santa Maria delle Grazie - Santa Lucia
Via Giovanni Amendola 94
Fisciano, 84084

Pagina ufficiale della Parrocchia S. Bartolomeo e S. Maria delle Grazie | Penta - Orignano